L’Onu si schiera con Apple, no decriptaggio iPhone

ONUCreare degli accessi ai dati contenuti negli iPhone, cosa che vorrebbero, tra gli altri anche l’FBI, è potenzialmente molto pericoloso per la privacy di tutti noi, potrebbe infatti aprire le porta ad hacker e veri e propri criminali, oltre che semplificare la vita dei regimi autoritari. A dirlo è niente mento che Onu che si schiera quindi al fianco di Apple nell’ormai nota diatriba con l’FBI.

L’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti dell’Uomo, Zeid Ràad Al Hussein, ha espresso questo importante parere: “Per risolvere un problema di sicurezza in un caso specifico, si rischiano implicazioni estremamente dannose per milioni di persone“. La posizione è decisamente chiara e non potrà che far piacere all’Apple, così come agli altri maggiori produttori di device tecnologici.

Le questioni legate a sicurezza e privacy sono molto attuali e complesse. Si tratta di un terreno scivoloso e  decisivo per la qualità delle nostre stesse vite, tanto che l’Alto Commissariato Onu per i Diritti dell’Uomo ha lanciato un sondaggio sulla vicenda Apple Vs Fbi attraverso il suo profilo ufficiale su Twitter. Della questione quindi si continuerà a parlare, di certo trovare una soluzione equilibrata non sarà per nulla semplice.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


TOP